Contributi straordinari per la crisi sanitaria e sociale in Madagascar.

La crisi in corso ci ha visto mobilitare tutte le risorse disponibili in cassa, con erogazioni straordinarie a favore di associazioni impegnate in prima fila per il covid-19 o con situazioni di difficoltà da gestire.
Gli ultimi due contributi deliberati hanno messo a disposizione alcune migliaia di euro del fondo di riserva per l’acquisto di farmaci e DPI necessari nelle strutture sanitarie in prima fila nella cura del Covid-19, ovvero La Vita per Te di Modena per il centro specializzato Covid “Kintana” di Antananarivo e Change di Milano per l’ospedale di Ampefy.
Si vanno ad aggiungere ai contributi erogati da VIM per situazioni di emergenza nel sud (Ambovombe), nel nord (Marovoay), all’Ovest (Anivorano), agli aiuti per Ambohimanaorina e Satrokala e per i detenuti delle carceri di Mahajanga e di Fianarantsoa.
E si vanno ad aggiungere agli aiuti Covid-19, che dalla CEI siamo riusciti a far avere agli ospedali della Costa Est del Madagascar (Vohipeno, Mananjary, Ampasimanjeva e Farafangana) – grazie all’Associazione Valdostana Solidarietà e Fratellanza con il Madagascar e all’ospedale di Sakalalina dell’associazione Fides, nel Sud, con cui sono stati acquistati e distribuiti presidi sanitari (visiere, mascherine, gel, camici, guanti, ecc.) e apparecchiature medicali, per la sicurezza e l’efficacia degli operatori sanitari; e infine all’invio diretto con DHL di medicinali e DPI, grazie alla generosa collaborazione del Centro Missionario Medicinali di Firenze.