Depliant

Abbiamo concordato di fare un depliant della rete italiana delle Associazioni in Madagascar, che possa servire a farlo girare soprattutto in previsione del 5 xmille. Sarà quindi disponibile sia cartaceo che online.

Poiché lo spazio di un flyer è scarso e siamo in 55 associazioni, VI CHIEDIAMO DI COMPILARE, ENTRO IL 22 FEBBRAIO 2018, rispettando il numero di caratteri assegnati, le seguenti righe:

·                   NOME ASSOCIAZIONE

·                   CITTA’

·                   PRINCIPALE CITTA’ IN CUI OPERA L’ASSOCIAZIONE IN MADAGASCAR

·                   PRINCIPALE PROGETTO (per il quale chiedere l’impiego del 5xmille) (max 200 caratteri)

·                   CODICE FISCALE

·                   TEL

·                   MAIL

·                   SITO WEB

·                   IBAN

 

N.B. : NON POTREMO INSERIRE CHI NON AVRA’ INVIATO ALLA MAIL coordinamento.vim@gmail.com QUANTO SOPRA RICHIESTO ENTRO LA DATA DEL 22 FEBBRAIO 2018

 

Chi vuole aggiungere una foto, vediamo se riusciamo a inserirne alcune nel depliant di significative (considerate che verranno molto rimpicciolite, non inviate foto con gruppi di persone numerosi, ecc).

 

Nel depliant rimarcheremo che il sistema delle associazioni italiane impiega tutte le risorse raccolte direttamente ed esclusivamente nei progetti.

 I segnali fin qua disponibili indicano che ci aspetta un 2018 molto difficile riguardo alla raccolta di donazioni e 5xmille per le piccole associazioni. Già le grandi ong hanno evidenziato un sensibile calo della raccolta, ma almeno hanno le risorse per lanciare campagne sui media per recuperare donazioni e preferenze del 5xmille. .
Rischiamo di essere noi piccole associazioni a fare le spese del generale calo di fiducia, oscurati, poco visibili, con “carte in mano” difficili da giocare nella rincorsa al 5xmille, sempre più affollata e competitiva.

 

Questo depliant è un primo passo per cercare di passare dalla ricerca della visibilità singola alla crescita del "sistema a rete" di fronte ai donatori, che ci potranno riconoscere per la trasparenza, per la sinergia e la collaborazione, per l'identificazione con il Paese e i suoi problemi, per la voglia di costruire una "comunità cooperante", allargata e inclusiva.